Cos’è la gestione della rete?

La gestione della rete è l’insieme di processi e funzionalità utilizzati per il provisioning, la configurazione, il monitoraggio, la gestione e la manutenzione di una rete. Un sistema per la gestione della rete contribuisce a garantire l’affidabilità, le prestazioni e la disponibilità complessive della rete. L’adozione diffusa di reti gestite dal cloud per ottenere scalabilità, agilità ed efficienza ha dato origine a un’ondata di innovazioni nella gestione della rete, con la conseguente realizzazione di piattaforme di gestione della rete moderne, basate su microservizi e cloud-native.

Spiegazione della gestione della rete

La gestione della rete è una disciplina multifunzionale che consente alle operazioni IT e di rete di garantire l'affidabilità, le prestazioni e la disponibilità complessive della rete. Con la trasformazione digitale, c'è anche una maggiore enfasi sul ruolo della gestione della rete nel garantire esperienze di alta qualità agli utenti finali.

In genere, la gestione della rete coinvolge le seguenti funzioni delineate dal framework FCAPS:

  • Gestione dei guasti: rilevamento, isolamento e risoluzione dei problemi per garantire una connettività di rete ottimale e ridurre il downtime provocato da anomalie non rilevate. Questo viene spesso definito anche MRT (monitoraggio, generazione di report e risoluzione dei problemi).
  • Gestione della configurazione: distribuzione e provisioning di dispositivi di rete come access point, switch e gateway, tra cui il monitoraggio continuo dei dispositivi per le modifiche di configurazione.
  • Gestione contabile: monitoraggio dell'utilizzo della rete per documentare il consumo di larghezza di banda da parte degli utenti e delle line of business ai fini della gestione dei costi.
  • Gestione delle prestazioni: compilazione e analisi continue delle metriche relative alle prestazioni della rete come tempo di risposta, perdita di pacchetti e throughput per garantire sempre livelli di servizio accettabili. Gli avvisi vengono generati quando vengono superate le soglie accettabili.
  • Gestione della sicurezza: l'autenticazione di rete è essenziale per garantire che solo gli utenti e i dispositivi autorizzati possano accedere alle risorse di rete per le quali hanno i diritti. La maggior parte delle soluzioni è dotata funzionalità integrate che semplificano la configurazione del firewall, la gestione delle vulnerabilità e il rilevamento delle intrusioni.

HPE Aruba Networking Central fornisce un'ampia gamma di funzionalità delineate dal framework di gestione della rete FCAPS per il provisioning, la configurazione, il monitoraggio e la risoluzione dei problemi dei dispositivi di rete.

Perché la gestione della rete è importante?

La rete è alla base di ogni connessione aziendale tra sedi distaccate, filiali, campus, data center, cloud pubblici e privati. Consente di ottenere:

  • servizi e applicazioni aziendali fondamentali sempre disponibili
  • accesso sicuro per dispositivi, utenti e client, tra cui i dispositivi IoT
  • flusso continuo di dati dal luogo in cui vengono generati (utenti e dispositivi IoT all’edge) al luogo in cui vengono elaborati

I problemi di rete sono stati la sola causa principale di tutti gli incidenti dei servizi IT negli ultimi tre anni, quasi il 40% delle organizzazioni ha registrato un’interruzione grave provocata da errore umano1. Tool e sistemi per una gestione efficace della rete sono, quindi, fattori fondamentali per ottenere risultati di business importanti ed esperienze digitali di alta qualità.

1 Analisi delle interruzioni di Uptime Institute del 2022

Quali sono le attuali problematiche della gestione della rete?

  • Complessità della rete: con l’affermarsi del lavoro ibrido e l’incremento dell’adozione del cloud, le reti tradizionali diventano sempre più complesse da gestire. A questa complessità si aggiunge la gestione spesso indipendente delle reti WAN, cablate e wireless.
  • Visibilità: la rapida proliferazione di dispositivi IoT a supporto delle iniziative di trasformazione digitale porta con sé nuove problematiche in termini di visibilità e sicurezza, aumentando i rischi per la cybersicurezza.
  • Proliferazione dei tool: per gestire una serie di funzioni e flussi di lavoro in applicazioni, infrastrutture e ambienti cloud, i team di rete hanno in media 4-15 tool2. Con un’interoperabilità limitata, toolset di grandi dimensioni comportano un elevato tasso di errori manuali, un lavoro di analisi degli avvisi più intenso e un aumento dei downtime.

2 EMA, Network Management Megatrends, 2022

Come si sta evolvendo la gestione della rete?

Le aziende continuano a modernizzare i loro sistemi per la gestione della rete contribuendo alla risoluzione delle problematiche descritte sopra. Principali aree di innovazione:

InnovazioneDescrizione
AIOps e automazioneIntelligenza artificiale (AI) e machine learning (ML) su enormi quantità di dati (in genere in un data lake) ottengono in modo proattivo informazioni relative a una serie di casi d’uso che aumentano l’affidabilità della rete, migliorano la mean time to resolution (MTTR) e aumentano l’efficienza dell’IT.
Consumo flessibileI modelli di distribuzione basati su cloud che supportano modelli di licenza flessibili in sottoscrizione offrono un ROI ottimizzato, un migliore controllo finanziario e un TCO inferiore.
Programmabilità Le architetture basate su microservizi con costrutti aperti e basati su standard, supporto di API e webhook, consentono un elevato grado di interoperabilità con altri tool nell’ecosistema e integrazioni di terzi per la convergenza IT, OT e IoT.
BYOD e sicurezza IoTLe funzionalità integrate, come la profilazione basata sull’AI, consentono di affrontare le problematiche intrinseche di visibilità e sicurezza con BYOD e IoT, eliminando i punti ciechi della rete e migliorando l’approccio complessivo alla sicurezza. I modelli di sicurezza come Zero Trust utilizzano policy di accesso basate sui ruoli e garantiscono che nessuna persona o dispositivo sia considerato intrinsecamente attendibile.
Intent-based networkingI flussi di lavoro software-defined e basati su GUI che si convertono automaticamente in configurazioni basate su CLI riducono la complessità della rete fisica sottostante ed esprimono il business intent.

Modelli di gestione della rete basati su cloud e on-premise

Basati su cloudUna soluzione per la gestione della rete ospitata sul cloud e generalmente fornita come soluzione Software-as-a-Service (SaaS) con licenze flessibili e basate sull’uso effettivo. È progettata per sfruttare il cloud computing e supportare sofisticate operazioni AI/ML e analisi avanzate su data lake che ospitano una grande quantità e varietà di dati anonimizzati provenienti da tutta la base installata del fornitore.
On-premiseUna soluzione per la gestione della rete ospitata all’interno dell’organizzazione, utilizzando appliance virtuali o fisiche dedicate a cui i dipendenti possono accedere tramite le reti IT aziendali. Offre un controllo di alto livello con tutti i dati che risiedono on-premise, ma richiede maggiori investimenti iniziali e una manutenzione continua da parte del team IT interno.

Quali sono i vantaggi della gestione della rete basata su cloud?

Secondo Gartner, si prevede che la spesa degli utenti finali SaaS raggiungerà i 208 miliardi di dollari entro il 2023. Come avviene con altre soluzioni SaaS, la gestione della rete basata su cloud offre i seguenti vantaggi:

  • unico punto di controllo: unifica la gestione della rete su reti cablate, wireless e WAN, eliminando i silo di gestione indotti dai tool per garantire un unico punto di controllo e visibilità.
  • Scalabilità: si adatta rapidamente a migliaia di sedi in tutto il mondo, senza dover sostenere CapEx per hardware e appliance di gestione aggiuntivi.
  • Flessibilità: usa un’architettura moderna basata su microservizi che garantisce flessibilità e consente una delivery agile e automatica delle funzionalità senza downtime di manutenzione pianificati per gli upgrade del software.
  • AIOps e analisi: sfrutta i dati della sede del cliente e di sedi simili (anonime) per AI/ML e analisi avanzate, consentendo il rilevamento di anomalie, la risoluzione rapida dei problemi e suggerimenti di ottimizzazione per promuovere l’efficienza operativa.
  • Programmabilità: sfrutta API RESTful, API di streaming e webhook per l’integrazione con l’ecosistema della soluzione esistente.

Quando è preferibile applicare la gestione della rete on-premise?

  • Sovranità dei dati: alcuni settori sono disciplinati da rigorosi requisiti di protezione e/o di sovranità dei dati in base ai quali tutti i dati generati devono essere conservati a livello locale dall’organizzazione. Inoltre, alcuni paesi applicano un rigoroso controllo delle soluzioni cloud.
  • Controllo e compliance: le soluzioni on-premise garantiscono un maggiore livello di controllo interno dell’infrastruttura, della configurazione e della manutenzione continua. Le organizzazioni soggette a norme di compliance rigorose possono richiedere questo livello di controllo più elevato.
  • Vincoli dell’architettura: le applicazioni business-critical che sfruttano i principi di progettazione legacy possono inibire il passaggio al cloud o rendere l’adozione un processo lungo e costoso.

Si deve tuttavia notare che le soluzioni per la gestione della rete on-premise offrono un’ottimizzazione e una risoluzione dei problemi basate su AIOps limitate per le dimensioni e la varietà limitate dei dati fruibili e della necessità di risorse di elaborazione costose.

Come migrare alla gestione della rete basata su cloud

Come migrare alla gestione della rete basata su cloud

Nonostante i suoi numerosi vantaggi, per i motivi descritti sopra, il cloud potrebbe non essere la scelta ideale o immediata per alcune organizzazioni.

HPE Aruba Networking Central consente a chi non è ancora pronto per il cloud di fruire di un’esperienza di gestione della rete “paragonabile al cloud”.

HPE Aruba Networking Central è incentrato su un’architettura cloud-native basata su microservizi che sfrutta la telemetria in streaming proponendo un’esperienza utente e flussi di lavoro coerenti, sia on-premise, sia nel cloud. Questo garantisce una futura transizione al cloud senza un ingente adattamento dei tool e una formazione approfondita per il personale IT.

Pronto per iniziare?